OGGI E’ USCITO IL FILM “EL TREN DE LA LIBERTAD”

Le donne spagnole ci chiedono di far girare questo video, è il racconto della giornata di manifestazione che 1 febbraio 2014 ha coinvolto tutta la Spagna per protestare contro la riforma della legge sull’aborto Gallardon, che riporterebbe le donne all’aborto clandestino e al rischio della vita.

Quetso è il messaggio che accompagna il video, qui sotto trovate il link.

“Aiutateci a diffondere ovunque, condividete per terra, mare e aria, così che non possano silenziarci, che ci ascoltino, che ci prendano in considerazione”.

“Perché noi registe volgiamo che il nostro lavoro sia il nostro modo di partecipazione e il contributo in un momento storico e politico particolarmente rilevante, nel quale crediamo debba essere un passo avanti per difendere i diritti e le libertà delle donne e della cittadinanza”.

#TrendelaLibertad #ContraLeyaborto #Yodecido #NoLeyaborto

Annunci

Una nomina in Europa che fa ben sperare

La socialista spagnola Iratxe García, convinta e giovane femminista, è stata nominata Presidenta della Commissione FEMM (Diritti della Donna e uguaglianza di genere, è la Commissione che durante la scorsa legislatura presentò il rapporto Estrela, sulla salute riproduttiva delle donne).

Qui trovate un suo intervento sulla legge Rajoy in Plenaria dello scorso gennaio, un intervento puntuale, forte e femminista: .. “l’attuale legge spagnola non obbliga nessuno ad abortire, però la legge che il Partito Popolare propone obbliga a tutte le donne di diventare madri anche quando non lo vogliono.” (….) “E’ una legge discriminante perchè le donne che hanno possibilità economiche andranno negli altri Paesi Europei ad abortire, mentre le donne che non hanno possibilità economiche andranno incontro all’aborto clandestino..”

https://www.youtube.com/watch?v=s8HOyaX0y6U

Questo è il comunicato stampa relativo al suo incarico:
http://www.iratxegarcia.es/la-nueva-presidenta-de-la-comision-de-igualdad-iratxe-garcia-se-compromete-a-seguir-combatiendo-la-discriminacion-que-sufren-las-mujeres/

La prima riunione della Commissione sarà il 22 luglio, speriamo che questa Commissione possa lavorare per un’Europa laica e dei diritti, in particolare per i diritti di tutte le donne di tutti gli orientamenti sessuali.

 

P.S. Un ringraziamento a Luisa Bordiga per le info.

D.i.Re si mobilita: il 10 luglio a Roma contro il riparto dei finanziamenti in discussione alla Conferenza Stato – Regioni

D.i.Re. “Giovedì 10 Luglio saremo alle 14.30 a Roma nella sala stampa della Camera dei Deputati per dire perché non ci piace la ripartizione dei fondi destinati ai Centri Antiviolenza.

Alle 15.30 protesteremo a Roma in Via della Stamperia 8, davanti alla sede della Conferenza Stato-Regioni. 
Sostenete i Centri Antiviolenza. 
Venite!”

 

Basta con l’apertura di centri antiviolenza senza qualifica e storia: le donne hanno bisogno di approcci di libertà

L’associazione nazionale D.i.Re Donne in Rete, che rappresenta 67 centri antiviolenza, si mobilita contro il riparto dei finanziamenti che verrà discusso alla prossima Conferenza Stato – Regioni del 10 luglio. Saremo presenti per far sentire la nostra voce.

I Centri antiviolenza che da oltre vent’anni operano in Italia, riconosciuti come luoghi di buone pratiche per fronteggiare il fenomeno della violenza contro le donne, non possono essere liquidati con quattro soldi. La storica esperienza e competenza di questi luoghi deve rappresentare un punto di partenza per tutti.

La distribuzione dei fondi non è chiara, temiamo che siano distribuiti con criteri “politici” disperdendo le già scarse risorse messe in campo. 
E’ evidente che i Centri, che da oltre vent’anni lavorano in Italia con le donne, finiranno per avere finanziamenti irrisori mentre si cerca di creare un sistema parallelo di centri istituzionali con competenze improvvisate le cui procedure ancora “ingessate” in rigidi criteri burocratici, non saranno in grado di rispondere alle domande delle donne vittime di violenza. In particolare: anonimato, ascolto competente e privo di giudizio, rispetto della loro volontà. 
La storica esperienza e competenza dei luoghi di donne deve rappresentare il punto di partenza per le istituzioni per costruire una politica che guardi all’esperienza nata dai Centri Antiviolenza, riconoscendone tutto il valore in quanto luoghi di libertà e autodeterminazione delle donne. Nei centri istituzionali c’è il rischio che prevalga la burocrazia, gli aspetti giudicanti e formalizzati, che non garantiscono l’anonimato e l’ascolto dei desideri della donna, rispettandone i tempi e le scelte.

Non a caso la Convenzione di Istanbul individua nelle Associazioni di Donne il luogo privilegiato di risposta al fenomeno in quanto portatrici di una forte motivazione e capaci di mettere in campo iniziative utili ad un cambiamento

I Centri Antiviolenza ritengono che la generica modalità di impiego delle risorse economiche indicate dal piano di ripartizione dei fondi, non solo non porti alcun cambiamento nelle pratiche dei servizi e di conseguenza nella cultura sociale ma al contrario si incrementi il rischio per le donne che subiscono violenza e che decidono di allontanarsene di non essere sostenute adeguatamente.

I centri antiviolenza chiedono

- che i criteri di riparto dei finanziamenti siano ridiscussi e condivisi con i centri antiviolenza nel rispetto delle raccomandazioni europee.
- che i centri antiviolenza pubblici siano, in questa prima fase, esclusi dal riparto dei fondi: la Convenzione di Istanbul che entrerà in vigore il 1° agosto, sostiene che i governi devono privilegiare le azioni dei centri antiviolenza privati gestiti da donne in quanto servizi indipendenti.
- che nella distribuzione siano compresi solo i centri antiviolenza gestiti da realtà del privato sociale attive da almeno 5 anni e che il finanziamento premi maggiormente i centri antiviolenza che operano da più anni valutando i curricula, i progetti svolti e il tipo di intervento che garantiscono.
- Che ci sia una forte raccomandazione alle Regioni di utilizzare i finanziamenti in aggiunta ai quelli che le amministrazioni regionali dovranno stanziare.

 

da Il fatto quotidiano

Femminicidio, 6mila euro a centri e case rifugio: “Non bastano per le bollette”

La denuncia di Dire, rete per l’assistenza alle donne: “Alle realtà già esistenti solo gli spiccioli. Costretti a vivere di volontariato”. Il governo ha annunciato la spartizione del fondo di 17 milioni: la fetta più grande per (non meglio specificati) “progetti regionali”. E le strutture anti-violenza già impegnate sul territorio protestano: “352 centri? Cifra sovrastimata”. Intanto il premier si tiene la delega alle Pari opportunità
di  | 8 luglio 2014

Seimila euro per due anni per gestire un centro anti-violenza, dare ospitalità a donne maltrattate e bambini e permettere assistenza a chi denuncia soprusi. “Non ci paghiamo neppure le bollette così”. Titti Carrano, presidente di Dire (Donne in rete contro la violenza), rete che raccoglie 63 centri in tutta Italia , non riesce a darsi una risposta. Il nuovo piano di finanziamento del Governo previsto per il 2013 e il 2014 dalla legge 119 – quella contro il femminicidio – sta scatenando le proteste degli operatori di tutta Italia. Le strutture, la cui validità è stata riconosciuta anche dal protocollo siglato nel 2013 con Anci (Associazioni nazionale comuni italiani) per l’istituzione di linee guida, promozione di tavoli tecnici e altre iniziative, riceveranno soltanto 2 milioni e 260 mila euro che divisi per i 352 centri su tutto il territorio (non tutti “autentici”, secondo Dire), portano a circa 6mila euro ciascuno per i prossimi due anni. ”Non capiamo”, continua Carano, “perché è stata decisa questa modalità di ripartizione dei fondi. Così dovremo continuare a vivere di volontariato”. Ma non solo. “Se confermata la spartizione, si rischia di andare contro la Convenzione di Istanbul che chiede un maggiore impegno finanziario delle istituzioni contro la violenza di genere. Il 10 luglio ci diamo appuntamento nelle piazze d’Italia per far sentire la nostra voce”. Il ministero, contattato da ilfattoquotidiano.it ha preferito non rispondere e l’Italia rischia ancora una volta di restare indietro nonostante i proclami. ”Senza dimenticare”, denunciano da Sel, “che il presidente del Consiglio ha ancora la delega alle Pari opportunità. Chiediamo che sia affidata al più presto come ce lo chiede la Convenzione”. 

Pochi spiccioli dunque alle case rifugio, considerando che il totale dello stanziamento previsto dal ministero delle Pari Opportunità, è di 17 milioni di euro. Il piano del governo, trasmesso nei giorni scorsi alla conferenza delle Regioni, prevede che il 33% dei fondi, pari a 5.670.000 euro, vada all’istituzione di nuovi centri. Dei restanti 11 milioni e 330mila euro, l’80% verrà destinato ainterventi regionali mentre il 20% del rimanente (2 milioni circa) verrà diviso tra i centri anti-violenza e le case rifugio pubbliche e private già esistenti (circa 352). “Una modalità di ripartizione che non riusciamo a capire – dice Titti Carrano, presidente dell’associazione Dire che, nel 2013, ha dato assistenza a 18.421 donne, ospitandone 1.300 (minori inclusi) – Ci chiediamo perché una parte così importante di fondi vada ad interventi che hanno sedi, utenze e personale già pagati quando noi dobbiamo basare parte delle nostre attività sul volontariato”. In questo senso, secondo Dire, la scelta del Governo rischia di contravvenire alla Convenzione di Istanbul, che entrerà in vigore il prossimo primo agosto e che prevede lo stanziamento di risorse per una corretta applicazione di politiche integrate, di misure e di programmi (inclusi quelli svolti da organizzazioni non governative e dalla società civile) per prevenire e combattere tutte le forme di violenza contro le donne. Le modalità di ripartizione dei fondi per le iniziative contro la violenza di genere, indicate dal dipartimento delle Pari Opportunità, sono state contestate anche dalle deputate Delia Muller (Pd) e Celeste Costantino (Sel). Entrambe chiedono che il governo modifichi la norma e che valorizzi le realtà valide già esistenti sul territorio. 

Per quanto riguarda la spartizione dei fondi per interventi regionali, non risulta ancora chiaro a che cosa si riferisca esattamente il governo. Il ministero delle Pari Opportunità, interpellato per un chiarimento, nonostante le sollecitazioni non ha ancora risposto. Manuela Ulivi, della Casa delle donne maltrattate di Milano si chiede in base a quali criteri verranno definiti i destinatari. “A Milano – spiega Ulivi – negli ultimi mesi, sono stati chiusi degli sportelli anti-violenza. Questo è accaduto perché per aiutare in modo proficuo una donna che subisce violenza e che si ritrova a fare scelte difficili non bastano un ufficio e una semplice attività di consulenza, ma serve un know how specifico che include esperienza, capacità di relazione e mediazione. Tutti elementi che non si possono improvvisare”.

A sollevare un’ulteriore perplessità è poi il numero di centri e case rifugio censite – in totale 352 – che sembra sovrastimato rispetto alla realtà. Angela Romanin, vicepresidente del Coordinamento dei centri antiviolenza dell’Emilia Romagna, ad esempio, non riesce a spiegarsi come il Ministero abbia potuto contare fino a 22 case rifugio nella sua regione. “Non capisco il criterio usato. E lo dico alla luce della mia esperienza dato che lavoro sul territorio da oltre 20 anni. Mi domando dove abbiano trovato questi numeri”. Un altro mistero dell’elenco riguarda la Sicilia dove, secondo il governo, risultano esserci 62 tra case rifugio e centri. “Stiamo interpellando la Regione a questo proposito – fanno sapere dal Coordinamento regionale siciliano – perché quando si parla di centri bisogna che vengano riconosciute le caratteristiche che li distinguono e che sono accoglienza, assistenza fisica, psicologica, protezione, empowerment, formazione, educazione. Un altro discrimine importante è che le case rifugio, per essere tali, devono avere un indirizzo segreto“.

Dubbi in merito ai criteri di censimento e di riconoscimento dei centri antiviolenza vengono sollevati anche da Maria Gabriella Carnieri Moscatelli, presidente di Telefono Rosa, onlus che opera in tutta Italia, che non fa parte del circuito Dire. “Quando ho letto il numero dei centri in alcune regioni sono rimasta stupita. Ma dove sarebbero esattamente?”. Inoltre, secondo Carnieri Moscatelli, che ha protestato anche scrivendo alcune lettere al presidente del Consiglio Matteo Renzi, “per favorire la parità di genere ci vuole una politica nazionale. Viviamo in un Paese diviso in realtà regionali diverse e serve un’omogeneità culturale quando si intendono fare determinati interventi”.

C’è un’ultima questione da chiarire. Riguarda l’istituzione delle nuove strutture che verranno finanziate col 33% dei 17 milioni: mancano definizioni esaurienti sulle caratteristiche che le dovranno contraddistinguere. La rete Dire teme che ci si possa affidare troppo all’improvvisazione, con il rischio che questi posti, nel breve e lungo periodo, possano rivelarsi inutili. La questione, però, è controversa. Ci sono centri, come quello di Imola Per le donne, che ritengono che novità non sia sinonimo di approssimazione. “Noi esistiamo da due anni e qualche mese ma, nonostante questo, la nostra attività è frutto di percorsi professionali decennali e di una selezione accurata delle operatrici – spiega la presidente Maria Rosa Franzoni. – Per ora ci basiamo sul volontariato. Abbiamo calcolato che il lavoro che abbiamo fatto in un anno equivale a circa 60mila euro. Credo che sia giusto favorire una pluralità nel panorama italiano, certamente senza penalizzare in alcun modo le strutture che da anni operano sul territorio in modo efficiente. E vanno senz’altro individuati criteri validi e specifici che definiscano i centri antiviolenza”. 

La Convenzione di Istanbul entrerà in vigore il 1° agosto.
Per leggerla scarica il file:
Convenzione_Istanbul_violenza_donne

Sono 17, sono donne e sono povere: sono in carcere accusate di omicidio per aver abortito. In Salvador lo Stato decide sul corpo e della vita delle donne.

10402510_698388593567504_1144069408755227147_nSalvador

Qualcuna ricorderà Beatriz, la donna salvadoregna che rischiò di morire a causa del divieto di aborto, nonostante la grave malattia e il feto anancefalo. Dopo molte pressioni, anche internazionali, il ministero della Salute di El Salvador autorizzò Beatriz a sottoporsi al taglio cesareo per porre fine alla gravidanza, dopo che  la Corte suprema aveva respinto il ricorso presentato dai suoi legali.
http://www.corriere.it/esteri/13_maggio_31/aborto-salvador-cesareo-madre-malata_d3164074-c9d1-11e2-983e-24267407b94e.shtml

Sempre a causa del divieto di aborto,  17 donne sono in prigione in Salvador,  sono donne che hanno vissuto e vivono in condizioni di povertà. Come sempre la povertà fa la differenza in questi casi: chi ha soldi in qualche modo se la cava. Chi è povera o muore o, come in questo caso,  finisce in carcere … per anni.
La maggior parte ha avuto problemi ostetrici in qualche momento durante la gravidanza, ha subito perdite o ha avuto problemi perché senza assistenza medica. Al momento di rivolgersi alle  strutture sanitarie pubbliche, sono state da queste denunciate, hanno subito processi e sono state condannate per omicidio aggravato.

Le donne spagnole lottano anche per loro e sono scese in piazza a Madrid.

http://www.feministas.org/madrid/?p=199

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MANGANELLATE E ARRESTI A MADRID durante la manifestazione contro la riforma Gallardon sull’aborto … ma le donne non si fermano!

27 giugno madrid

madrid27strattonistrattoni2

Si conclude così la manifestazione di Madrid del 27 giugno, coincidente con l’inizio del dibattito della proposta Gallardon sull’aborto al Parlamento spagnolo.

In tutto il Paese  le iniziative di protesta si sono succedute da quel YO DECIDO del 1 febbraio scorso e si sono estese a macchia d’olio, coinvolgendo le donne di molte città europee che hanno manifestato davanti a ambasciate e consolati, bruciando e facendo simbolicamente a pezzi la proposta di legge Gallardon che di fatto in Spagna criminalizzerebbe l’aborto, rendendolo legale solo in caso di stupro o gravi malformazioni del feto.

A Madrid dunque si è manifestato davanti al Ministero della Giustizia con gli slogan “Gallardon, dimission”, “no al terrorismo anti-aborto”, “aborto libero e gratuito” ma la conclusione è stata la repressione da parte della polizia madrilena.

Dalle prime ricostruzioni video i problemi sono partiti quando i poliziotti hanno deciso di fermare una donna che li aveva redarguiti per il loro atteggiamento nei riguardi di alcune ragazze e di un ragazzo che filmava l’accaduto con un cellulare, c’è stato un vero e proprio prepotente accerchiamento.
In conclusione: identificazioni dei e delle manifestanti, della stampa con successive manganellate e arresti.

Ma le donne non si sono fermate e anche oggi sono state in piazza!
A voi l’analisi attraverso i video e le testimonianze.

Concentrazione di 27 Giugno #AlertaFeminista per il diritto all’aborto, Ministero della giustizia, Madrid, #DesobedienciaLeyGallardón

Madrid, Calle Pez. 27 giu. Verso 20.45.
https://www.youtube.com/watch?v=XFEFOTj-xlY&feature=youtu.be

La Regione Lombardia approva mozione discriminante: “Festa della famiglia naturale”; “Fattore Famiglia” criterio per il sostegno al reddito; NO agli standard per l’educazione sessuale dell’OMS!!!

Invece di andare avanti, si torna indietro! In barba all’articolo 3 della Costituzione italiana, il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato a maggioranza una mozione
– per chiedere al Governo di non applicare il “Documento Standard per l’educazione sessuale in Europa” redatto dall’ufficio europeo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità;
– per introdurre il “Fattore Famiglia” quale criterio di sostegno alle politiche attive e passive al reddito delle famiglie lombarde e
– per istituire la  Festa della Famiglia Naturale, fondata sull’unione fra uomo e donna.

La proposta della Lega Nord è stata votata dalla maggioranza (Lega Nord, Lista Maroni, Forza Italia, Ncd e Fratelli d’Italia). Pd, Patto civico e M5S non hanno partecipato al voto.

Il Consiglio Regionale della Lombardia:
dichiara la propria opposizione a qualunque tentativo di comprimere i diritti e i doveri dei genitori all’educazione dei propri figli, ignorare l’interesse superiore dei minori a vivere, crescere e svilupparsi all’interno della propria famiglia naturale;
impegna la Giunta Regionale
ad individuare, in collaborazione con l’Ufficio di Presidenza del Consiglio, una data per la celebrazione della Festa della Famiglia Naturale, fondata sull’unione fra uomo e donna, promuovendone sia direttamente che indirettamente attraverso scuole, associazioni ed Enti Locali la valorizzazione dei principi culturali, educativi e sociali;
a chiedere al Governo centrale la non applicazione del Documento Standard per l’educazione sessuale in Europa redatto dall’ufficio europeo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità;
e invita la Giunta Regionale
a introdurre il “Fattore Famiglia” quale criterio di sostegno alle politiche attive e passive al reddito delle famiglie lombarde.

Leggi di più: http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/07/02/diritti-gay-per-la-regione-lombardia-esistono-solo-le-famiglie-naturali/1046658/

Leggi il testo della mozione urgente

Leggi il testo della Mozione n. 263 approvata

Leggi il comunicato della Regione Lombardia

Leggi i documenti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Woman Health Organization):

Standard per l’Educazione Sessuale in Europa
Quadro di riferimento per responsabili delle politiche, autorità scolastiche e sanitarie, specialisti – Ufficio Regionale per l’Europa dell’OMS e BZgA  – Centro Federale per l’Educazione alla Salute
BZgA (Germania) Colonia 2010
http://www.uppa.it/elfinder_vfs/1108/educazione_sessuale_oms_europa.pdf

Garantire i diritti umani all’interno dei programmi contraccettivi: un’analisi dei diritti umani di indicatori quantitativi esistenti
Ensuring human rights within contraceptive programmes: a human rights analysis of existing 
quantitative indicators – Giugno 2014
http://apps.who.int/iris/bitstream/10665/126799/1/9789241507493_eng.pdf?ua=1&ua=1
World Health Organization: WHO


Il Coordinamento IO DECIDO 2014 di Bologna oggi in piazza: no alle pressioni psicologiche su chi decide di abortire, no alle pressioni esterne e interne agli ospedali. Rispetto della laicità dei beni comuni.

Bologna 1 luglio 2014


“ci poniamo grandi obiettivi: che il tema dell’autodeterminazione torni a essere trattato in ogni circostanza (Gemma)”

La lotta del Coordinamento Io decido 2014 di Bologna è iniziata da qualche tempo. Oggi all’alba  in molte e molti erano presenti davanti all’ingresso della Clinica Ostetrica dell’ospedale Sant’Orsola per chiedere che i preganti dell’associazione Giovanni XXIII –  presenti da anni  con cartelli che propongono aiuto alle donne e inneggiano alla vita – liberino l’ingresso della Clinica Ostetrica in rispetto della libera scelta delle donne e della laicità dei beni comuni.

Il Coordinamento ritiene che “… che pregare dinanzi ad un servizio importante e delicato come quello offerto dall’ospedale non abbia nulla a che vedere con la volontà di essere vicini alle donne ma che sia finalizzato esclusivamente ad esercitare un’indebita e inaccettabile pressione psicologica alle donne che scelgono di effettuare l’interruzione volontaria di gravidanza.”

Il presidio, come quelli precedenti, è stato accompagnato da canti e da slogan di protesta. Il coordinamento continuerà a essere presente tutti i martedì mattina e sta organizzando incontri cittadini nelle biblioteche e nelle sedi di quartieri.

Ll’8 luglio ci sarà in via Albertoni, un’assemblea per discutere con lavoratrici e lavoratori del sant’Orsola e per parlare dello stato dell’arte della legge 194.

Il Coordinamento Io Decido Bologna 2014 nasce dall’esigenza di difendere la libera scelta delle donne sulla propria vita e di impedire a chi sceglie di abortire sia sottoposto a pressioni psicologiche. Per questo alcune realtà cittadine impegnate nella difesa dei diritti delle donne dicono basta ai gruppi di preghiera e alle molestie davanti agli ospedali.
Info: iodecidobologna2014@women.it

Server Donne di Bologna (http://www.serverdonne.it)  ha documentato con attenzione la giornata di oggi. Qui  il video:

 

Qui l’evento FB dell’iniziativa di oggi:
https://www.facebook.com/events/285516258288514/

Qui il video del 24 giugno:
https://www.facebook.com/events/285516258288514/