Le donne minacciate dagli attivisti no-choice

da The Guardian  del 21-07-2014

“Gli attivisti anti-aborto minacciano guerra contro le donne

Alcune cliniche degli Stati Uniti ora forniscono accompagnatrici per le pazienti che frequentano i centri delle donne, per proteggerle da manifestanti militanti anti aborto, le cui tattiche ora minacciano di infiltrarsi nel Regno Unito.

Non sono ancora le 7:00 di un sabato mattina a New York e sto di fronte a un gruppo di persone in piedi di fronte a un portone anonimo, che agitano cartelli alti quattro piedi gridando: “Qui si uccidono bambini!” Ci sono già una dozzina di manifestanti anti-aborto al di fuori della clinica e la giornata è appena iniziata. Agire qui come “un’accompagnatrice” – garantendo la sicurezza delle pazienti, che stiano per abortire o meno, al momento dell’entrata nella clinica – mi fa sentire intimidita. Per cui immaginate di essere una donna che ha abortito e che qualcuno vi gridi contro: “Portare i bambini dentro l’utero è un dono di Dio”; o semplicemente immaginate di andare dal medico e di sentirvi dire che “andrai all’inferno”. Immaginate di essere una donna afro-americana diretta ad una clinica della salute delle donne circondata da persone che gridano: “Vogliono uccidere i bambini neri.” Potete immaginare quanto possa essere sconvolgente ed emotivamente stressante? Per aiutare queste donne, sono sorte negli USA organizzazioni volontarie di supporto. Una volta entrata dentro il Choices Women’s Medical Center, nel Queens, Mary Lou Greenberg, la direttrice volontaria delle accompagnatrici, mi dà le linee guida sulla privacy (per la sicurezza, nessuno si riferisce a chiunque altro per nome); istruzioni su come scortare (l’approccio con le pazienti, ovvero informarle con dolcezza che fai parte la clinica e che sei lì per guidarle all’interno); e avvertimenti circa la vicinanza (mai stare di fronte o bloccare il percorso di una paziente; mai avere contatti con un manifestante, proteggere la paziente, agendo come “cuscinetto”). Mi viene poi consegnato un camice medico bianco (in modo da essere chiaramente visibile per i pazienti) e un grande distintivo con “Accompagnatrice Choices Clinic” attaccato sopra. Mi sento come un bersaglio a piedi – Sono negli Stati Uniti, qui hanno le armi. Che cosa succede se un anti-abortista esce fuori di testa? Eliza, un’altra accompagnatrice, rafforza la mia preoccupazione. “So che ci sono stati episodi di violenza fuori da altre cliniche, che le persone sono venute con le armi, che le persone sono morte … Dicono: ‘La gente in camice bianco – sono macellai’, così se qualche ragazzo arriva su di giri e armato, se la prende con noi. “Sono consapevole che la mia paura è niente in confronto alle donne che hanno, in molti casi, viaggiato grandi distanze per raggiungere la clinica e la cui sicurezza abbiamo il dovere di proteggere. Quando andiamo fuori, noi accompagnatrici – un gruppo variegato di donne e uomini tra i 20 ei 60 anni, di diversi background e professioni – siamo in inferiorità numerica rispetto ai manifestanti. La clinica deve confrontarsi regolarmente con oltre 40 manifestanti al giorno. Fino ad ora, la mia unica esperienza con gli anti-abortisti era stato con le (relativamente tranquille manifestanti fuori della clinica Marie Stopes di Bloomsbury, che per lo più pregano e distribuiscono volantini dai contenuti discutibili; qui la situazione è molto diversa. “Stai uccidendo bambini!” gridano i manifestanti (per lo più maschi) mentre aspettiamo, in silenzio. Ma è quando una donna cammina verso la clinica che si scatena l’inferno: lei viene immediatamente circondata e le si urla contro. Molte volte ho visto pazienti scoppiare in lacrime quando gli si urla contro. Ho potuto solo tentare di avvicinarmi e di offrire parole di conforto, ma che non li proteggono dagli abusi e aggressioni. Eliza mi dice: “Qualcuna era venuta per un follow-up, avendo avuto un aborto la settimana prima, e lei ha detto un manifestante, ‘Il mio bambino non aveva un battito cardiaco, quindi abbiamo dovuto interrompere,’ e il manifestante ha risposto dicendo: ‘Oh, hanno mentito a te il tuo bambino ha avuto un battito cardiaco era vivo e tu lo hai ucciso. Il livello di odio diretto a queste donne – molte delle quali non sono nemmeno sempre lì per abortire- è inconcepibile Se non le hai mai accompagnate, non puoi immaginare quanto dure possano essere le intimidazioni.. .. Un’altra accompagnatrice della clinica, Cathy, aggiunge, “E ‘molto stressante: sono stata spintonata più volte da alcuni di loro perché cerco di proteggere le pazienti. Sai sempre c’è un po’ di rischio fisico – la possibilità che vogliano rompere le regole in primo luogo – e questo è spaventoso “. Tutti coloro con i quali ho parlato sono rimasti sconvolti da cosa siano diventate le ritorsioni anti abortiste e spesso non ci si rendeva conto che ciò stava accadendo in una grande città come New York, lontana dall’ortodossia della Bibbia . Potrebbe il tipo di molestie sperimentato nelle città liberali di New York diffondersi nel Regno Unito? “Non abbiamo raggiunto questo livello in Gran Bretagna, dove ancora sono necessarie accompagnatrici alle cliniche, anche se questo non significa che i manifestanti non causino ad alcune donne notevole disagio”, dice Ann Furedi, Dirigente della British Pregnancy Advisory Service. “Il numero dei manifestanti coinvolti è relativamente piccolo, e all’interno del movimento anti-scelta stessa ci sono molti che non credono che manifestare contro le donne in gravidanza è un modo morale o produttivo per procedere., Ma molte persone sono scioccate per il fatto che possano accadere queste cose. siamo un paese pro-choice e il fatto che anche una sola donna possa trovarsi un manifesto sbattuto in faccia o possa essere spintonata mentre fa la propria scelta per accedere a un servizio sanitario previsto dalla Legge provoca preoccupazione “. Furedi ammette che il Regno Unito potrebbe essere diretto verso una protesta antiabortista sempre più aggressiva. “Il movimento anti-scelta sta sempre più prendendo a prestito le tattiche dagli Stati Uniti, protestando contro i protocolli e contro i medici. Tutto ciò finora non ha avuto molto successo, ma dobbiamo essere sempre vigili “. Anche se non ci sono ancora piani in atto per avere scorte a cliniche abortiste britanniche, sarebbe possibile un’ulteriore protezione per le pazienti delle cliniche. Kate Smurthwaite, comica, attivista e vice presidente di Abortion Rights UK mi dice che “la politica della campagna su tutte le attività pro-scelta è guidata dalla volontà del personale della clinica. Se le cliniche vogliono assistenza contro le proteste, possono averla. Abbiamo una rete nazionale di sostenitori e dei gruppi pro-choice locali che possono essere mobilitate anche a breve termine per sostenere il personale e le pazienti in qualsiasi modo “. È essere reattivi, piuttosto che proattivi, la via da seguire? Greenberg a Choices suggerisce che i diritti delle donne sono state compromesse perché “la gente nei movimenti delle donne che si considerano pro choice non ha reale contezza della situazione … Nel complesso, il clima è tale che incoraggia i manifestanti a venire fuori. Questa è solo una parte di una battaglia politica assai più ampia: la guerra contro le donne.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...